Assegno unico e universale per i figli a carico

Gruppo di ragazzi e bambini

I tuoi figli, il nostro futuro

Che cos'è?

È la nuova misura economica, unica e stabile, che semplifica e sostituisce molte delle attuali agevolazioni per i figli a carico.

Che cos'è?

È la nuova misura economica, unica e stabile, che semplifica e sostituisce molte delle attuali agevolazioni per i figli a carico.

Due mani tengono un cartello con scritto Assegno unico e universale

A chi si rivolge?

A tutti.
È universale perché tutti ne hanno diritto, indipendentemente dalla condizione lavorativa (occupati e disoccupati) e senza limite massimo di reddito.
È possibile fare richiesta, per ogni figlio a carico, dal 7° mese di gravidanza fino ai 21 anni d’età.

A chi si rivolge?

A tutti.
È universale perché tutti ne hanno diritto, indipendentemente dalla condizione lavorativa (occupati e disoccupati) e senza limite massimo di reddito.
È possibile fare richiesta, per ogni figlio a carico, dal 7° mese di gravidanza fino ai 21 anni d’età.

Immagine di una madre in gravidanza e di una giovane ragazza

Cosa cambia?

Dal 1° gennaio 2022, è possibile fare domanda per ricevere il nuovo assegno unico e universale ogni mese, per ogni figlio a carico.
Fino al 28 febbraio 2022, rimangono vigenti le detrazioni e gli assegni per il nucleo familiare e l'Assegno temporaneo già vigenti nel 2021.
Dal 1° marzo 2022, l'Inps eroga il nuovo assegno alle famiglie che hanno fatto domanda per riceverlo.
Se fai domanda entro il 30 giugno 2022, riceverai gli arretrati da marzo.

Come funziona?

L'assegno è progressivo: ciò significa che l'importo dell'assegno cresce al diminuire del valore dell'Isee.
Se decidi di non allegare l'Isee quando fai domanda, puoi ricevere comunque l'importo minimo dall'Inps.
In alcuni casi sono previste delle maggiorazioni: per esempio, se hai un figlio a carico con disabilità o se sei una giovane madre.
Se ricevi il Reddito di cittadinanza, non devi fare domanda: riceverai l'assegno automaticamente dall'Inps.

Quali sono gli importi?

L’assegno va da un minimo di € 50/mese a un massimo di € 175/mese per ogni figlio minorenne a carico.
Per i figli a carico di età tra i 18 e i 21 anni, gli importi variano da un minimo di € 25/mese a un massimo di € 85/mese.
Sono previste maggiorazioni in caso di figli a carico con disabilità, di madri di età inferiore ai 21 anni, di nuclei familiari numerosi, di entrambi i genitori lavoratori, di nuclei familiari con Isee inferiore ai € 25 mila.

Scopri di più sugli importi >

Approfondisci sul sito del Ministero dell'economia e delle finanze >

Quali sono gli importi?

L’assegno va da un minimo di € 50/mese a un massimo di € 175/mese per ogni figlio minorenne a carico.
Per i figli a carico di età tra i 18 e i 21 anni, gli importi variano da un minimo di € 25/mese a un massimo di € 85/mese.
Sono previste maggiorazioni in caso di figli a carico con disabilità, di madri di età inferiore ai 21 anni, di nuclei familiari numerosi, di entrambi i genitori lavoratori, di nuclei familiari con Isee inferiore ai € 25 mila.

Scopri di più sugli importi >

Approfondisci sul sito del Ministero dell'economia e delle finanze >
Immagine che mostra delle monete impilate che aumentano progressivamente, da 50 a 175 euro

Se ho più figli, l'importo aumenta?

Per ogni figlio successivo al secondo, è prevista una maggiorazione dell'importo base dell'assegno (fra € 50/mese e € 175/mese), che può variare da € 15/mese a € 85/mese in base al tuo Isee.
Se hai 4 o più figli a carico, è riconosciuta una maggiorazione forfettaria pari a € 100/mese per nucleo familiare.

Altre domande?

Consulta le risposte alle domande frequenti, sul sito dell'Inps, oppure contatta il numero verde 803 164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164 164 (da rete mobile, con la tariffa applicata dal gestore telefonico).
Puoi anche rivolgerti ai patronati.

Quando fare domanda?

Da gennaio 2022, puoi fare domanda sul sito dell’Inps o presso i patronati.
Da marzo 2022, riceverai l'assegno ogni mese.
Per i mesi di gennaio e febbraio 2022, rimangono in vigore i precedenti sussidi e detrazioni.

Scopri di più su come ottenere l'assegno >

Quando fare domanda?

Da gennaio 2022, puoi fare domanda sul sito dell’Inps o presso i patronati.
Da marzo 2022, riceverai l'assegno ogni mese.
Per i mesi di gennaio e febbraio 2022, rimangono in vigore i precedenti sussidi e detrazioni.

Scopri di più su come ottenere l'assegno >

Immagine che mostra un calendario con segnata la data 1 gennaio

Chiedi l'assegno
per i tuoi figli
e attiva il nostro futuro

Fai domanda da gennaio,
per ricevere l'assegno da marzo.


Fai domanda

Puoi fare domanda anche presso i patronati.

Simula il tuo importo

Scopri l'importo a cui potresti avere diritto,
utilizza il simulatore gratuito creato dall'INPS.


Vai al servizio

Ottieni l'ISEE precompilato

Ottieni subito il suo ISEE precompilato.
Il servizio è offerto dall'INPS, gratuitamente.


Vai al servizio

Materiali social

Scarica la locandina e condividila sui tuoi profili social.


Scarica